apea@provincia.ct.it

E’  noto che tutta la vigente normativa nazionale, regionale e comunitaria spinge l’Amministrazione ad operare:

  • Nel campo del risparmio energetico all’interno degli edifici appartenenti al proprio patrimonio immobiliare, riducendo i consumi energetici, tramite la razionalizzazione dell’utilizzo dell’energia nell’utenza finale (dunque eliminando gli sprechi) ed introducendo l’uso delle tecnologie più innovative, potenziando e sostenendo l’impiego di energia da fonti rinnovabili e l’incremento dell’efficienza energetica.
  • Nel campo della programmazione energetica al fine di migliorare i processi di produzione, trasformazione e riduzione consapevole dei consumi, da attuarsi attraverso il miglioramento degli stili di vita, la ricerca continua dell’efficienza energetica, nel rispetto degli standard qualitativi e di sicurezza di esercizio.

 

L’Amministrazione è, infatti, responsabile di una serie di servizi, strutture, edifici generalmente altamente energivori e fortemente migliorabili in termini di efficienza energetica ed ottimizzazione impiantistica, quali:

  1. Edifici adibiti ad uso scolastico;
  2. Edifici adibiti ad uffici;
  3. Edifici adibiti a autoparchi ed officine;
  4. Strutture sociali e sanitarie;
  5. Strutture sportive e del tempo libero;
  6. Piscine;
  7. Caserme;
  8. Impianti per la pubblica illuminazione stradale;
  9. Trasporti pubblici;
  10. Infrastrutture industriali di servizio.
Questo sito utilizza cookie anche di terze parti: cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie.Informativa cookieOK